<< Precedente<< Lo schermo dell'atmosfera terrestre Successivo >>Come, cosa e dove guardare >>

 

A cura di Flavio Falcinelli

Ammirando la tecnologia complessa e sofisticata, l'imponenza strutturale dei radiotelescopi professionali, per non parlare dei costi, ovviamente “astronomici”, è legittimo domandarsi se abbia un senso parlare di radioastronomia amatoriale e, in caso affermativo, quali siano le sue reali possibilità di sperimentazione.

Questa disciplina non è molto conosciuta a livello amatoriale: riteniamo che, da parte nostra, sia importante presentare e descrivere progetti concreti, economici e facilmente realizzabili, con prestazioni “sicure” e ripetibili. Dobbiamo far comprendere, con molta onestà, i limiti raggiungibili con l'attività amatoriale, sottolineando, tuttavia, le numerose ed interessanti possibilità di sperimentazione aperte a tutti. In questa ottica, diventa per noi una missione supportare chiunque desideri iniziare seguendo le nostre proposte.

Da parte vostra, serve un pizzico di volontà nell'investire tempo e pazienza per un approccio graduale verso una disciplina che sembra meno immediata e “spettacolare” rispetto ad altre tecniche osservative del cielo come, ad esempio, l'astronomia ottica.

L'essere umano non è sensibile alle onde radio: in questo campo, la “visualizzazione” dello scenario cosmico e “l'estrazione” dell'informazione che ne deriva non è immediata. Servono strumenti (i radiotelescopi) in grado di rivelare i segnali radio e visualizzarli. Tali difficoltà contribuiscono a rendere la radioastronomia molto meno accessibile e “oscura” rispetto all'astronomia ottica.

C'è poi il problema della strumentazione.

Bisogna essere esperti elettronici, così da realizzare tutto in casa?

Non necessariamente. Chi ha conoscenze pratiche di elettronica è, ovviamente, facilitato: sul web si trovano eccellenti progetti sulla costruzione di piccoli radiotelescopi. Da parte nostra, proporremo moduli, kit e strumenti completi per far si che la radioastronomia sia alla portata di tutti: ogni persona di buona volontà può diventare radioastronomo dilettante. Seguiteci!

 Costruire un radiotelescopio con radioastrolab